I LAND

Sant’Eligio, la chiesa deturpata: graffiti e manifesti abusivi

03-09-2014 Campania su web

La chiesa d’età angioina più antica di Napoli, dalle inequivocabili forme gotiche, dove fu decapitato Corradino di Svevia, gesto che segnò la fine del loro regno sulla città, oggi versa in condizioni pietose. L’esterno è completamente imbrattato da scritte vandaliche e manifesti abusivi di una scuola calcio, il cui nome è ben evidente: “Sappiamo a chi chiedere conto”, spiega il segretario organizzativo del Pd Gianfranco Wurzburger: “Il monumento - spiega - come già più volte in passato, è stato vandalizzato da writers, ma questa volta c’è una firma chiara e leggibile. Per questo abbiamo segnalato il fatto alla Compagnia Stella dei carabinieri.

notizia tratta da www.campaniasuweb.it

Social Media: