I LAND

La cattedrale di Siviglia, storia di bellezza, imponenza e stratificazioni

19-04-2015 andrea damiati
racconti d'architettura, IMMAGINI E OSSERVAZIONI

La cattedrale di Santa Maria della Sede di Siviglia è la più grande cattedrale gotica del mondo, ed il terzo edificio religioso per dimensione dopo la basilica di San Pietro in Vaticano e la cattedrale di Saint Paul a Londra.

Come altre architetture iberiche la cattedrale nacque in origine come moschea  (la moschea di al-Moharrem, XII secolo) per poi essere “trasformata” alla fine del XIV secolo, periodo, che corrisponde all'uso cristiano degli edifici musulmani. La cattedrale è in realtà un’architettura ex novo, in quanto la moschea fu demolita per consentirne la nuova edificazione. L’edificio nacque in stile gotico, dal carattere austero e rigoroso, poi ebbe la sue fasi “rinascimentale” e “barocca”, attraversando il successivo  periodo in stile neoclassico e concludere con il neogotico del XIX secolo. Il tutto a rendere la cattedrale un tripudio di stratificazioni interessanti, dove però il gotico è prevalente sia all’esterno che negli interni, scanditi in cinque navate, dai muri perimetrali alquanto sottili, ed uno spazio in cui la luce naturale entra lievemente date le dimensioni relativamente ridotte delle finestrature vetrate

Architettura imponente ed affascinante, presenta accanto la famosa Giralda, struttura autonoma ma che esercita la funzione di torre e campanile per la cattedrale.. È Patrimonio dell'Umanità dal 1987.

Altro elemento architettonico interessante accanto al complesso basilicale è il Patio de los Naranjos (cortile degli aranci), spazio aperto costituito da un terreno piantumato con alberi di arancio.

 

Galleria fotografica

foto di andrea damiati

 

Social Media: