I LAND

Gibellina, il congelamento della memoria storica di un paese

12-10-2015 lorena santamaria
racconti d'architettura

Gibellina nuova nasce da una tragedia, il terremoto del Belice del 1968, i cui resti sono ancora visibili, in parte sotto il "Cretto" dell'artista Alberto Burri, gigantesco monumento della morte che ripercorre le vie e vicoli della vecchia città. 
Esso infatti sorge nello stesso luogo dove una volta vi erano le macerie, attualmente "cementificate" dall'opera di Burri.

Dall'alto l'opera appare come una serie di fratture di cemento sul terreno, il cui valore artistico risiede nel congelamento della memoria storica di un paese. Il cretto è una tra le opere d'Arte contemporanea più estese al mondo.Fonte wikipedia
Foto di Lorena Santamaria, architetto.
 

 

Social Media: