I LAND

Report e foto Instaura Industrial Tour Manifattura delle Arti, Bologna_25 maggio 2019

12-06-2019 redazione Instaura
EVENTI INSTAURA REALIZZATI

La terza puntata dei nostri INSTAURA INDUSTRIAL TOUR insieme agli amici di Save Industriale Heritage ci ha condotto nel cuore industriale di Bologna. Partendo dalla storica Manifattura Tabacchi ottocentesca, la riflessione è stata condotta da Jacopo Ibello, in maniera esemplare ed impeccabile, perseguendo le “vie dell’acqua” che, dall’inizio di questi itinerari dedicati alla cultura industriale in Italia, rappresentano il filo conduttore della scoperta delle grandi architetture di produzione, sorte soprattutto a cavallo della Rivoluzione Industriale. La manifattura tabacchi è oggi sede della Cineteca e, alle sue spalle, su progetto di Aldo Rossi, redatto negli anni Novanta del Novecento, è stato realizzato un grande parco pubblico, intitolato poi all’11 settembre 2001. Attraversando il parco l’iter prosegue verso alcuni spazi riqualificati, atti oggi ad ospitare alloggi ed un importante polo didattico – scientifico, a ridosso di un’area di pertinenza residenziale, fittamente abitata.

Subito dopo ci si incammina nel cuore dell’itinerario, ovvero verso la Manifattura delle Arti, un grande, immenso e spettacolare complesso dedicato all’Arte ed alla Cultura in generale, sorto su alcuni edifici di produzione, opifici storici di gran valore per la città di Bologna.

Alleghiamo qualche info da BOLOGNAWELCOME.COM

La Manifattura delle Arti - situata nel cuore di Bologna - si estende su un'area di circa 100mila metri quadrati.  L'area è stata dal Rinascimento fino all'Ottocento la zona portuale della città e, assieme al suo hinterland protoindustriale (Canale di Reno, Navile, Moline, Aposa), l'epicentro mercantile e manifatturiero dell'economia bolognese almeno fino a tutto il XVII secolo. L’area, originariamente progettata nel 1883 dagli architetti Priori e Buriani, dopo gli sventramenti dei piani regolatori del 1889 e del 1937 e le demolizioni conseguenti a bombardamenti dell'ultima guerra è stata ristrutturata dal 1996 al 2003 con impegno congiunto del Comune e dell'Ateneo di Bologna, su progetto dell'architetto Aldo Rossi. 
L'area è così ripartita: Manifattura Tabacchi (sede della Cineteca di Bologna) il Castellaccio (recuperato per fini residenziali), la vecchia cartiera Mulino Tamburi (sede del Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell'Università); scendendo verso Porta Lame, su via Azzo Gardino, si colloca l'area dell'ex Macello.
L'insieme include la già restaurata struttura espositiva della Salara, il bastione di Porta Lame, un plesso integrato per asilo nido e scuola d'infanzia e la Galleria d'Arte Moderna nell'ex Forno del Pane, i Laboratori di Musica e Spettacolo dell'Università (Laboratori delle Arti), oltre al parco del Cavaticcio. 
Il parco è una sottile striscia di verde molto suggestiva che occupa per qualche centinaio di metri il luogo dove un tempo si trovava il vecchio porto di Bologna. La denominazione è legata al canale Cavaticcio, derivato da quello del Reno, che qui faceva un salto di ben 15 metri, sfruttato come fonte di energia dai numerosi opifici (fabbriche e mulini) esistenti in questa zona fin dal XII secolo.

A conclusione di questa nostra terza puntata, vi diamo appuntamento per l’ultimo iter INSTAURA INDUSTRIAL TOUR pre-estivo, sabato 29 giugno a Tivoli, per un nuovo percorso di conoscenza della cultura industriale. Seguiteci!

Instaura team

 

GALLERIA FOTOGRAFICA

la Manifattura Tabacchi ottocentesca in una foto storica del Novecento (fonte web)

l'ex Manifattura Tabacchi oggi

 

 

 

Social Media: